Il Ponte

Sede Via Ponte Nuovo 23/h, Pieve di Cento 40066 -  Mappa
Informazioni Tel +39 051 6861130 | info@ilponte04.it | http://www.ilponte04.it/



Comunicato stampa evento: Quinto Ghermandi

Dal Saturday 10 December 2005
al Tuesday 28 February 2006

Orari:
tutti i giorni (incluse le domeniche) dalle 16.00 alle 19.00.
Ufficio stampa Pepita Promoters s.n.c.
Gli artisti correlati Quinto Ghermandi
Sabato 10 dicembre 2005 (ore 18.00) si inaugura, alla galleria Il Ponte a Pieve di Cento (via Ponte Nuovo 23/h Pieve di Cento, Bologna), la mostra personale di Quinto Ghermandi, a cura di Graziano Campanini, doveroso omaggio all’opera del grande artista emiliano.


Le opere di Ghermandi, circa trenta sculture, soprattutto bronzi, e alcuni disegni e incisioni, sono esposte fino al 28 febbraio 2006, oltre che al Ponte, anche alla Biblioteca del Comune di Crevalcore (Bologna, fino al 7 gennaio) e all’Agenzia Porta Molina di Cento (Ferrara, fino al 29 gennaio) della Banca di Credito Cooperativo di Cento e Crevalcore.

La mostra, patrocinata dai Comuni di Pieve di Cento e di Crevalcore, è corredata da un catalogo dal titolo Quinto Ghermandi. Un racconto fotografico, edito da Skira e realizzato con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Cento e Crevalcore. Il catalogo, curato da Graziano Campanini, illustra il lavoro del maestro attraverso le belle immagini di tre fotografi: Luciano Calzolari, Daniele Lelli e Andrea Samaritani. Il catalogo, contiene, inoltre, i contributi del critico Giuseppe Marchiori, dello scultore Nicola Zamboni, allievo di Ghermandi, e dello stesso Graziano Campanini.

Tra le opere in mostra non potevano mancare alcune delle sculture che hanno reso Ghermandi famoso nel mondo, come: Largo gesto, Jonica, Piccole foglie e Foglia notturna. Le sculture dell’artista sono esposte nei musei più importanti del mondo, tra queste una delle sue famose foglie è al Louisiana Museum di Copenhagen, in mostra assieme alle opere di alcuni tra i più grandi scultori del Novecento, come Alexander Calder, Henry Moore, Alberto Giacometti, Joan Mirò, Max Ernst, Jean Arp.
Ghermandi ha lasciato numerose tracce del suo percorso artistico non solo con le sue opere, ma anche attraverso i lunghi anni di insegnamento all’Accademia di Bologna e di maestro d’arte che fanno continuare a vivere il suo lavoro. Le sue opere, nelle parole di Campanini, “portano il segno dell’appartenenza comune a questa pianura, alla sua terra scura, ai lunghi filari di alberi, alle foglie caduche dei pioppi e dei platani, foglie reinterpretate in arte ed intese come metafora e percorso della vita di ciascuno di noi... È lecito quindi domandarsi: perché Ghermandi che ha esposto in tre Biennali di Venezia, a Documenta Kassel, alla Quadriennale di Roma, che ha insegnato all’Accademia e ha formato numerosi allievi, alcuni diventati poi artisti molto significativi, comperato ed esposto in molti grandi musei oggi paia un po’ dimenticato, sconosciuto ai giovani, non acquistato se non raramente alle aste? Perché deve rimanere patrimonio culturale e sociale di una generazione solo di studiosi e critici e non invece proposto alle nuove generazioni come una gloriosa tradizione e alto valore in sé in mostre che lo rendono popolare e conosciuto anche a un pubblico più vasto e popolare?”
Questa mostra si propone quindi, negli intenti del curatore, di essere il primo passo verso una grande personale, dedicata al lavoro inestimabile dell’artista.

Il Ponte, diretto dall’Associazione Artistico Culturale omonima presieduta da Andrea Maccaferri, si aggiunge a pieno titolo agli altri luoghi dedicati all’arte antica e contemporanea di Pieve di Cento, piccola città d’arte nella grande pianura bolognese. Spazio espositivo di circa 250 metri, nasce per proseguire la tradizione artistica, che caratterizza la città di Pieve di Cento e per promuovere artisti giovani e già affermati che lavorano o vivono nel territorio tra Modena, Bologna e Ferrara.

Quinto Ghermandi nato a Crevalcore (Bologna) nel 1916, si forma prima al Liceo Artistico con Cleto Tomba. Studia poi alla scuola di Ercole Drei all'Accademia di Belle Arti di Bologna, dove consegue il diploma in scultura nel 1940.
Dopo la guerra e la prigionia in Egitto, inizia negli anni Cinquanta i primi esperimenti con il bronzo a cera persa e comincia ad esporre le sue opere. Nel 1952 partecipa alla Biennale di Venezia.
Nel 1958 si aggiudica il Premio Bologna. L’anno seguente ottiene il premio per la scultura di Carrara e vince, insieme a Lynn Chadwick, il Premio Internazionale del Bronzetto a Padova.
È presente alle più importanti manifestazioni nazionali e internazionali. Prende parte alla XXX Biennale di Venezia nel 1960 e, nel 1966, alla XXXIII nonché alla IX Quadriennale d'Arte di Roma del 1965 con mostre personali.
Dall’inizio degli anni Sessanta si susseguono numerose personali e partecipazioni a tutte le grandi mostre della scultura italiana organizzate in Europa, Stati Uniti d’America, Giappone, Brasile, Nuova Zelanda, Iran, Egitto. Nel 1964 presenta un gruppo di opere a Documenta III di Kassel.
Nel 1967 e 1969 vince il Premio Accademia per la scultura al “Fiorino” di Firenze.
Sue opere sono presenti in raccolte pubbliche e private in Europa, soprattutto in Scandinavia, negli Stati Uniti e in America Latina.
È stato titolare della cattedra di Scultura all’Accademia di Belle Arti a Bologna dove, dal 1981 al 1984, ha ricoperto anche la carica di Direttore.
È deceduto a Bologna il 18 gennaio 1994.



Inaugurazione sabato 10 dicembre 2005 - ore 18.00
10 dicembre 2005 - 28 febbraio 2006


Ingresso libero
Per informazioni: tel. 051.6861130

Ufficio stampa
Pepita Promoters snc



Associazione Artistico Culturale Il Ponte
via Ponte Nuovo 23/h
Pieve di Cento (Bologna)


© ArsValue srl - P.I. 01252700057