GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea

Sede Via San Tomaso 53, Bergamo 24121 -  Mappa
Informazioni Tel +39 035 270272 | info@gamec.it | http://www.gamec.it/



Comunicato stampa evento: Omaggio a Trento Longaretti

Dal Wednesday 27 September 2006
al Thursday 19 October 2006

Orari:
fino al 30 settembre: martedì/domenica 10.00/13.00 e 15.00/18.45
dal 1° ottobre: martedì/domenica 9.30/13.00 e 14.30/17.45
lunedì chiuso
Gli artisti correlati Trento Longaretti
Dal 27 settembre al 19 ottobre 2006 la GAMeC celebra il novantesimo compleanno di Longaretti presentando al pubblico, riunite, le opere dell’artista parte delle Collezioni del museo


Il fortunato percorso esistenziale di Trento Longaretti (Treviglio, Bergamo 1916), è profondamente radicato nella città di Bergamo non solo perché il pittore ha trascorso in questo luogo molta parte dei suoi novant’anni, ma perché qui ha insegnato per un quarto di secolo, ha coltivato un collezionismo diffuso della propria opera, ha alimentato larghe relazioni sociali fatte di stima e di amicizia.
La pittura è stata e continua ad essere per lui un elisir di lunga vita, una pratica quotidiana di cui, per sua stessa ammissione, non può fare a meno. E se l’ultima età della vita rappresenta il tempo della raccolta, si può dire che Longaretti sia riuscito a farne una condizione desiderabile.

I dipinti che ha donato alla Carrara nel corso del tempo tratteggiano con precisione il suo percorso d’artista, dal periodo di Corrente, agli anni del dopoguerra, per giungere alla maturità, negli anni di insegnamento all’Accademia, con l’approdo alle vivide accensioni di colore degli anni Settanta.
Si tratta di un tracciato sintetico, ma quanto mai rappresentativo della pittura di Longaretti e dei temi con i quali ha dialogato ininterrottamente.
Così i mendicanti ed i girovaghi che abitano fiabeschi paesaggi incantati sono il simbolo della fragilità umana, mentre una Madre, che potrebbe essere scambiate per una Madonna nella sua presenza sacrale, trae forza dalla secolarità del suo ruolo nell’opporsi alla violenza del mondo.
Ad un Frammento Longaretti affida, e non casualmente, il compito di rappresentare la sottigliezza della sua pittura, mentre il ritratto di Emilia, che al concorso per la direzione dell’Accademia Carrara otteneva l’incondizionato gradimento di Arturo Tosi, condensa i frutti migliori di una meditazione sulla quotidianità. Chiude la serie l’incisivo volto di una Donna triste che ricorda quanto duramente possa essere messa alla prova la condizione umana.


OPERE IN MOSTRA:

Donna triste, 1938
olio su tela, cm 40x30
Dono Rotary Club Presolana, Bergamo, 1993

Colline bianche e brune con figure
(Omaggio a Cesare Pavese), 1975
olio su tela, cm 50x70
Dono dell’artista, 1977

Frammento, 1958
olio su tela, cm 47x43
Dono dell’artista, 1992

Case rosse con figure sulla neve, 1971
olio su tela, cm 50x60
Dono dell’artista, 1992

Emilia, 1946
olio su tela, cm 70x50
Dono dell’artista, 1978

Madre su fondi rossi a Coniglia, 1977
olio su tela, cm 188x85
Dono dell’artista, 1992



Dal 27 settembre al 19 ottobre 2006
Collezione Permanente - Spazio Caleidoscopio


ingresso libero

GAMeC
Via S. Tomaso, 53
Bergamo
tel. +39 035 399528
fax +39 035 236962
http://www.gamec.it


© ArsValue srl - P.I. 01252700057