ArsKey Magazine | Articolo


Arte Fiera Off, le proposte della settimana
Data: 25.01.2012

vai alla pagina
Vai all'evento: Arte Fiera Art First 2012



Inizia una settimana densa di appuntamenti per la città di Bologna, che, come tradizione, sul finire di gennaio, in occasione di Arte Fiera (27-30 gennaio 2012), si trasforma in un centro di attrazione di livello internazionale. Molti gli appuntamenti che anche quest'anno costellano il cartellone di “Arte Fiera Off”, a dimostrazione della ricettività del territorio nei confronti della manifestazione fieristica. Sono questi i giorni migliori per visitare il capoluogo emiliano, a seguito dell'ampia proposta culturale che offrono gallerie e musei, ma anche spazi pubblici, biblioteche, cinema, associazioni, luoghi d'intrattenimento. Tutti questi momenti di creatività arricchiscono il tessuto urbano della città, con facilità, infatti, è possibile imbattersi in performance, installazioni, proiezioni e concerti. Tra i molti appuntamenti segnaliamo di seguito i più interessanti.

Il Museo MAMbo, oltre alle mostre temporanee di Marcel Broodthaers, Marco Gastini e Mili Romano, offre un percorso di visita rinnovato nella sua collezione permanente, che si è ultimamente arricchita di opere di giovani artisti italiani. Per quanto riguarda Villa delle Rose, invece, va in scena “The Eye of the collector”, evento che ospita i lavori di video arte della collezione Manuel de Santaren. Saranno quindi visibili le opere di Josè Arjona, Niklas Goldbach, William Lamson, Hans Op de Beek, Isabel Rocamora, Janaina Tschaepe e altri; la manifestazione è curata da Julia Draganovic e Claudia Löffelholz.

In piazza Maggiore, cuore pulsante della città, sarà possibile assistere ad “ArtBlitz” (presso il Palazzo Comunale), rassegna che vede la partecipazione di dieci giovani artisti alle prese con brevi “incursioni”, ognuna delle quali della durata di cinque minuti. Anche la Cineteca di Bologna e il Cinema Lumiere sono presenti in cartellone, il 27 e il 28 gennaio alle ore 17 sarà proiettato il film “Connect-disconnet” di Pola Wickham ed Elisabetta Lodoli. Negli spazi della Cineteca sarà invece possibile osservare 20 stampe vintage di ritratti d'artista realizzati dal fotografo Antonio Masotti.

“Personal effectsonsale”, che inaugura il 26 gennaio alle ore 18, presso il Padiglione dell'Esprit Nouveaut (realizzato a Bologna nel '77 su un progetto di Le Corbusier), è un evento ideato da un collettivo di curatori, storici dell'arte, artisti, architetti ed esperti di comunicazione. L'evento espositivo mette in mostra gli oggetti appartenuti agli artisti e si presenta come un diario visivo, dove libri, ricordi, suggestioni o strumenti da lavoro offrono una percezione intima della personalità di chi li ha posseduti. Anche la Fondazione del Monte è presente nella programmazione di “Arte Fiera Off” e rinnova il suo appuntamento con i grandi Maestri italiani della seconda metà del XX secolo, ospitando le sculture di Paolo Minguzzi. L'apertura della mostra, presso la sede della Fondazione di via delle Donzella, celebra il centenario della nascita dell’artista e presenta al pubblico un importante nucleo di opere e degli inediti.

Alle piscine termali San Petronio di via Irnerio sarà invece possibile osservare alcune opere originali di Lorenzo Mattotti, mentre il 27 gennaio alle ore 21 al Teatro delle Celebrazioni, prende il via un curioso requiem elettronico che ha come protagonisti l'artista Coniglio Viola e la cantante Antonella Ruggiero. Per gli amanti della Street Art consigliamo di visitare “Tag indelebili. Post Graffiti in Italia e USA”, presso il Circolo Artistico di Bologna. La mostra cerca di analizzare tutte quelle tendenze stilistiche che affondano le proprie radici nella cultura del writing e si manifestano in molteplici discipline: pittura, scultura, computer grafica, design, illustrazione.

Tra le iniziative fuori dal cartellone ufficiale si segnala inoltre la mostra dal titolo “No space”, presso la Galleria Fantomars, in cui sarà possibile osservare le opere di alcuni artisti outsider del panorama bolognese, diretti e selezionati da Giovanni Monti, artista poliedrico e critico vecchio stampo. Allo spazio “Art'è” di via Frassinago 2 si segnala, inoltre, il ritorno sulla scena espositiva bolognese di Angela Maltoni, artista dal talento graffiante che mostra sei oli di grande formato. L'inaugurazione è prevista alle ore 18 del 27 gennaio. Non può mancare, anche quest'anno, l'incursione artistica del “Collettivo Franti”, realtà che convoglia curatori e artisti da tutta Italia che hanno come finalità quella di coniugare etica ed estetica. L'intervento riguarda il grande cancello dell'ex “Mercatone Uno” collocato su via Stalingrado (nei pressi della Fiera) e prevede una grossa scritta con una citazione di San Giovanni della Croce (sacerdote spagnolo fondatore alla metà del '500 dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi): “Sarà presto sera e verrete interrogati sull'amore”, un monito riferito all'indifferenza che regola la nostra società e lo stesso mondo dell'arte.

Per chi desidera conoscere altri dettagli e informazioni relative ad “Arte Fiera Off”, visto il nutrito numero di iniziative, consigliamo di consultare il sito http://www.artefiera.bolognafiere.it/, dove troverà tutte le indicazioni necessarie.







© ArsValue srl - P.I. 01252700057