ArsKey Magazine | Articolo


20 febbraio: Aste della Settimana
Autore: Emma Gabriele
Data: 20.02.2012

vai alla pagina


Apre la settimana delle vendite nelle case d’aste italiane il 22 febbraio la Galleria Poleschi con l’asta n° 7 alle ore 18.30, presso la sede di Milano. Occasione per la Galleria Poleschi di presentare un ulteriore asta di arte moderna e contemporanea nel suo calendario annuale, dove mette in evidenza una selezione di lavori di importanti artisti dell’arte moderna e contemporanea. Duecento opere tra cui si fa menzione di artisti come Adami, Arman, Bertini, Cascella, De Chirico, Fontana, Morlotti, Pistoletto, Pomodoro, Schifano, Tozzi e molti altri. Il 25 febbraio chiusura dell’esposizione iniziata il 13 gennaio e avvio della I sessione dell’asta internazionale n° 22 per la casa d’aste Artesegno, la II è invece prevista per il 3 marzo.

Il catalogo è visibile online e suscita interesse per la presenza di due artisti dell’arte giapponese: Yozo Ukita, esponente del movimento Gutai e Takashi Murakami, definito nel 2008 dalla rivista TIME come il più influente rappresentante della cultura giapponese contemporanea. Il movimento Gutai, associazione di artisti fondata da Jiro Yoshihara e Shozo Shimamoto, divenne famoso per le mostre all'aperto e le performance fortemente ispirate allo spirito zen con chiare influenze occidentali e forti richiami all’Action Painting americana. Il gruppo ha sempre cercato di recuperare quei valori che furono spezzati dalla seconda guerra mondiale e Yozo Ukita, classe 1923, performer innovativo e vitale sperimentatore, fece il suo ingresso nel movimento Gutai nel 1955. Uno dei suoi lavori, Tears del 1975 parte da una base d’asta di 12.000€.

Altri lotti interessanti, sculture in plastica colorata, sono piccoli tesori che portano il nome di Takashi Murakami, artista che modella le sue opere, tramutandole in topoi ed icone monumentali dedicate ai temi cari dell'iconografia di massa del Giappone, un portavoce e un divulgatore della cultura stile Tamagotchi. Creatore ed interprete dal 2002 di Geisai, la maggiore fiera d’arte giovanile del Paese. Si chiude la settimana con la casa d’aste Vip che batte l’asta n° 46, sessione II, il giorno 23 febbraio, presso Ferrara. È una casa d’aste molto attiva anche nell’ambito delle aste online, con una presenza in TV sui canali di Sky.

In sede internazionale troviamo la casa d'aste Phillips de Pury & Company che ha chiuso le vendite giovedì 16 febbraio ed è interessante notare che 23 dei 25 lotti offerti sono stati venduti con l'acquisto di una cauzione. Il sistema delle garanzie è nettamente presente nelle vendite delle case d’aste. Le maggiori di esse coinvolgono partner esterni in qualità di co-garanti e attuano questa strada per proteggersi dal rischio del crollo del mercato o per contenere i rischi. Una sola opera è stata venduta per oltre un milione di sterline: la tela datata 1960 di Lucio Fontana “Concetto Spaziale, Attese” che ha venduto ad un anonimo offerente telefonico per poco più £ 1.000.000 ($ 1,7 milioni) (£ 1-1500000 / $ 1.6-$ 2,4 milioni).

Sotheby’s aveva in cantiere una mezza dozzina di dipinti di Gerhard Richter inseguito da un cast internazionale di offerenti, quindi il mercato dell'arte contemporanea ha mantenuto il suo ritmo con una impennata nella sera del 15 febbraio e la realizzazione di £ 50.688.450 ($ 79672106). Ottimo il bilancio di £ 34,5-48.000.000 ($ 54,2-75.500.000), inoltre anche migliorato dallo scorso febbraio di £ 44,3-48.000.000 ($ 71 milioni). Solo sei dei 63 lotti offerti non è riuscito a trovare acquirenti per un basso sistema di garanzie (buy in). Nove i lotti venduti per oltre un milione di sterline e 21 oltre un milione di dollari. Due record d'artista per Albert Oehlen e AR Penck, tedeschi. Buon andamento per la vendita di artisti italiani come Alberto Burri "Nero Plastica" (1965), un composto di plastica bruciata venduto a Londra per Helly Nahmad Gallery con stima di £ 2.000.000 ($ 3,2 milioni) (£ 800,000-1.2 milioni).
Almeno quattro altri offerenti hanno inseguito Burri: questo risulta essere un altro forte segnale di un mercato che risulta affamato di buon materiale. Da sottolineare il forte interesse asiatico al mercato dell’arte offerto nella scorsa settimana da Sotheby’s. “Figure with Monkey” di Francis Bacon è stato venduto per 33,4 milioni di dollari il 14 febbraio in una serata organizzata da Christie. Rimanendo in tema di casa Christie’s, il mercante d'arte internazionale Roger McIlroy, precedente chairman di Christie's Australia, è da febbraio il nuovo capo banditore di Deutscher Hackett ed è stato nominato presidente del Comitato della Fondazione della Scuola Nazionale d'Arte.

Aste in diretta:
http://www.arsvalue.com/webapp/ars_aste/index.aspx

In copertina:
Giuseppe UNCINI Fabriano, 1929 - Trevi, 2008 Senza titolo, 1984 litografia a colori cm 100x140

Casa d'asta POLESCHI mercoledì 22 febbraio 2012





© ArsValue srl - P.I. 01252700057