William Xerra / Dettaglio evento

Nato a: Piacenza Italia



Comunicato stampa evento: Libretto Digitale

Cento idee in cento libretti

Inaugurazione ore 18.30

Orari:
dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Sarà inaugurata Domenica 10 Aprile 2005 alle ore 18.30 la mostra collettiva “Libretto Digitale, cento idee in cento libretti”.

Organizzata dal Comune di Caltanissetta Assessorato all’Identità e Futuro, in collaborazione con il QAL’AT artecontemporanea di Caltanissetta e dal Circolo Culturale il Gabbiano di La Spezia. La mostra sarà ospitata presso la Galleria di Palazzo del Carmine.

L’esposizione raccoglie le presenze più significative dell’arte contemporanea dai primi anni sessanta fino ai nostri giorni, con opere di Lamberto Pignotti, Mirella Bentivoglio, Giuseppe Chiari, Coco Gordon, Mauro Manfredi, Calogero Barba, Fernando Andolcetti, Cosimo Cimino, Maria Marcucci, Pietro Grossi, Berty Skuber, Gian Paolo Roffi, Oki Izumi, Lillo Giuliana, Giuseppina Riggi, Vittorio Fava, Walter Valentini, Rodolfo Vitone, William Xerra, Salvatore Salamone, Michele Lambo, Philip Corner, Stelio Maria Martini, Magdalo Mussio, Rosemarie Sansonetti, Giovanni Fontana, Delio Gennai, Elisabetta Gut e moltissimi altri.

Il testo di presentazione è di Franco Spena che scrive “tra enunciato ed enunciazione, la parola esprime la sua dicibilità imperfetta. Il detto e la sua tattilità sono il risultato di una perdita: il non detto, il non scritto, ciò che non riesce a filtrare mentre ci attraversa per giungere alla mano. Alla ricerca del senso perduto, il libro rimane il luogo dell’esplorazione di una parola dunque che, nel divenire immagine e materia, offre alla visione i suoi margini segreti, i suoi spazi inesplorati, il suo essere perenne problema; allude al suo mistero e offre voce all’emozione del dito che la porge, la imprime, la scrive, le dà forma sulla pagina bianca che l’accoglie. La parola digitale è quella prodotta dalla tattilità della mano o dalla impalpabile immaterialità del virtuale? Una situazione in bilico - a volte della parola, a volte dell’immagine, a volte di entrambi – che si apre a fisarmonica in pagine che si colgono con la leggerezza di un gioco, anche quando si porgono come stimolanti saggi di riflessione”.

© ArsValue srl - P.I. 01252700057