Adelinda Allegretti / Dettaglio evento





M. Iorio, A. Lini, F. Seccia

Dal Wednesday 14 December 2005
al Wednesday 21 December 2005

Orari:
9.00/15.00; sabato 9.00/14.00; chiuso domenica
Gli artisti correlati Arturo Lini, Francesco Seccia, Marina Iorio

Comunicato stampa evento: M. Iorio, A. Lini, F. Seccia

a cura di Adelinda Allegretti


Tre artisti - Marina Iorio, Arturo Lini e Francesco Seccia - per altrettante mostre personali negli spazi espositivi del Centro Culturale Egiziano dell'Ambasciata della Repubblica Araba d'Egitto a Roma. Accanto ai lavori che ne caratterizzano la ricerca, ciascun pittore presenterà dei lavori creati appositamente per questa mostra, nello spirito di un vero e proprio omaggio ad un Paese che vanta una storia millenaria ed una cultura che non cessa di affascinare il mondo cosiddetto occidentale.


Dell’artista napoletana Marina Iorio, accanto alle opere più recenti, saranno esposti alcuni lavori del ciclo “Pangea” (2004) interamente dedicato all’Africa ed ispirato al romanzo “Neyla” di Kossi Komla-Ebri. “L’intera produzione pittorica della Iorio si carica di precisi e profondi significati simbolici, di cui la scelta del colore, come pure l’essenzialità delle forme, si fanno straordinari interpreti” (Adelinda Allegretti, tratto dal catalogo “Pangea”, Milano 2004).

Nel 1999 frequenta la Scuola libera del nudo presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli, e dopo il diploma frequenta per qualche anno l'atelier di Antonio Siciliano. Alcune delle opere sono esposte per gentile concessione della KiptonArt, New York.
Vive e lavora a Napoli.



“Nella loro sostanza evocativa, le essenziali, ma formicolanti partiture di Arturo Lini sono cosmografie. Non mappe celesti, ma intuitive, liriche riduzioni visibili della totalità. La sensibilissima tessitura pittorica che anima l’intera superficie, idealmente seguitando oltre i margini della tela, prefigura l’illimitata, molteplice e omogenea estensione dell’universo in eterno divenire, nell’inesausto alterno germinare ed estinguersi dei mondi, che lasciano traccia, testimonianza di luce al loro passaggio.” (Nicola Micieli, tratto dal catalogo “I luoghi dell’annunciazione”, Pietrasanta (LU) 2000-2001).

Arturo Lini è nato a Volterra (PI) nel 1948. Nel 1978 pubblica una raccolta di poesie “La realtà è un colore” (Viareggio) a cui segue "Opera Prima" (Milano 1983), libro poi finalista al Premio di Poesia "Biella Opera Prima 1984" e "Appena Stella" (Firenze 1998). Suoi testi sono ospitati su diverse antologie poetiche, tra le quali “Trame della parola” di Antonio Spagnuolo, a cura delle Edizioni Tracce (Pescara 1985) e "Paragone" (Firenze 1999). Di questi anni sono anche le prime esposizioni di Poesia Visiva, accanto a Lamberto Pignotti, Eugenio Miccini, Luciano Ori e Giuseppe Chiari, mentre al 1983 risale la prima personale di poesia visiva, a Villa Gori, Stiava (LU).
Nel 1987 insieme al pittore Giancarlo Vaccarezza fonda il Gruppo della ViareggioArte. Le collaborazioni e le esperienze espositive si moltiplicano e nel 2003 con Vittore Baroni, Antonino Bove e altri artisti partecipa alle esperienze di "BAU", libero contenitore di arte contemporanea. Nello stesso tempo, a fianco di un personalissimo linguaggio pittorico, si occupa di arte digitale, partecipa ad importanti riviste elettroniche, come il BTDesign Gallery. Sue opere sono presentate ed ospitate sui più importanti portali di arte multimediale, come ELO, Electronic Literature Organization, fino alla recentissima creazione di "Poesianet.it" sito di arte elettronica che presenta testi poetici e animazioni di scrittura multimediale.
Vive tra Firenze e la Versilia


La ricerca pittorica di Francesco Seccia si incentra sul corpo femminile. ”Il nero esalta gli effetti chiaroscurali dei corpi, mentre l’uso delle terre, miste al colore naturale del cartone, contribuisce a determinare il colore caldo della carne. (…) L’effetto di resa su cartone pressato a cuoio rievoca le pale sacre del I secolo d.C. (…) Il suo scopo è solo quello di donare al corpo femminile un significato sacrale. Il ventre diventa un tempio dedicato alla maternità, (…) mentre i seni e il pube chiamano lo sguardo a una presa di coscienza libera dall’appetenza sessuale.” (Nicola Ion Scotta, tratto dal catalogo “Exhibit woman, Milano 2004.
Le sue prime esperienze espositive risalgono al 2002. Vive a Lucrezia di Cartoceto (PU)


mercoledì 14 dicembre 2005 ore 17
La mostra proseguirà fino al 21 dicembre 2005.


Organizzazione e ufficio stampa:
D.ssa Adelinda Allegretti
mobile +39 328 6735752
ad.allegretti@inwind.it


Ambasciata della Repubblica Araba d'Egitto
Centro Culturale Egiziano
Via delle Terme di Traiano, 13
Roma

© ArsValue srl - P.I. 01252700057